Racconto ?

Umiliazione totale inculata profonda


E’ mia abitudine la domenica mattina andare in pineta a fare un po’ jogging in compagnia di amici. Quella domenica però, contrariamente alle volte precedenti, ero andato da solo. La giornata era bella e calda e c’era tanta gente lungo il percorso. Inizio a correre e dopo quasi due ore di salite e discese vado al bar poco fuori la pineta a prendere qualcosa di tonico da bere. Li incontro due mie amiche sedute ad un tavolino all’aperto intente a sorseggiare un caffè.
Sono Paola e Laura, due compagne di università di 25 anni. Le saluto “Ciao ragazze, che ci fate qua?”.
“Ehila, ciao Carlo. Siamo uscite a prendere un po’ di sole. Che ci fai tu qua piuttosto! Non ti piace dormire la domenica?” dice Paola.
“Non molto. Di solito la domenica approfitto per andare a correre” rispondo.
“Troppo faticoso correre” continua Paola “Meglio prendere il sole, vero Laura?”
“Dipende, i gusti sono gusti” rispose lei sorridendo.
“Ora dove vai Carlo?” mi chiese Paola.
“A casa e voi?”.
“Anche noi, anzi se vuoi ti diamo un passaggio”.
“Volentieri”.
Salgo in macchina di Paola e tra una chiacchierata e l’altra prendiamo la via di casa. Il viaggio di ritorno scorre tranquillo fino a quando Paola non mi chiede “Carlo? Da quanto non scopi?”.
Rimasi sorpreso dalla domanda ma soprattutto dal candore con cui me l’aveva posta. Tuttavia ripresi subito il controllo della situazione e le risposi secco “Non credo che siano affari che ti riguardano”.
“Dai, non fare lo scemo. Mica ti sarai offeso” aggiunse Laura.
“Ho detto che sono affari miei” chiusi secco.
“Ok, come non detto. Beh, sai, siccome ci piaci pensavamo che tu potessi fare qualcosa per noi” controbatte provocatoriamente.
“Te la senti di divertirci un po’ con noi o sei troppo stanco per fare l’uomo?” disse ridendo Laura.
Sapevo che le due tizie non fossero propriamente delle brave ragazze. All’università giravano voci su certe loro “prodezze” ma avevo sempre pensato che fossero semplici chiacchiere e non gli avevo dato troppa importanza. Inoltre avevo messo gli occhi su Giovanna, altra compagna di corso e loro amica. Sinceramente non mi andava di rovinare tutto con una scemata.
“Allora, ci stai?” richiese Paola.
“No ragazze, cercatevene un altro grazie” risposi.
“Peccato” rispose seccata Laura “Vorrà dire che ci vendicheremo. Giusto Paola?”
Non capivo il significato di quella risposta. Vendicarsi di cosa? di un rifiuto? intanto nel botta e risposta non mi ero accorto che Paola si era addentrata in una strada di campagna. Subito la apostrofai “Ehi scema, ma dove stai andando? ma che ti è saltato in mente?”
“Ehi scemo ci sarai tu, hai sentito che ha detto Laura prima? Dobbiamo vendicarci del tuo rifiuto. Quindi ti conviene stare zitto e obbedire” replicò.
Poi Laura mi puntò davanti un coltello e mi intimò di stare buono “Ora stai zitto altrimenti ti taglio le palle. Poi voglio vedere come scoperai in futuro”.
“Ok ok, stiamo calmi ma che vi ho fatto?” dissi impaurito.
“Hai detto di no a noi e ora te la faremo pagare amaramente” replicò decisa Paola.
Dopo un’altra abbondante ora di macchina ci fermiamo in una piazzola in aperta campagna. Non c’è nessuno intorno. Scendono dalla macchina e mi ordinano di fare altrettanto. Quindi mi mettono attorno al collo un guinzaglio per cani “cosi sarai sempre sotto il nostro stretto controllo” sghignazzò Paola.
“Non potete farmi questo…”
“Taci e ora stai fermo che dobbiamo spogliarti”.
Con Paola che mi tirava per il collo ecco che Laura inizia a togliermi la maglietta tagliandola con le forbici, poi mi abbassa i pantaloni e mi lascia in boxer. Paola poi lega il guinzaglio alla maniglia dello sportello della macchina e si avvicina “Bene, ora vediamo cosa nascondi sotto le mutande. Via i boxer!”
“Noooooo” urlai.
Alla vista del mio cazzo scoppiarono a ridere. “Oh mamma mia, ma è un mollusco. Ahahahah” disse Laura.
“Oddio quanto è piccolo! Non ci posso credere. E’ minuscolo” esclamò Paola “E tu saresti un uomo con questo cazzetto cosi tra le gambe?”.
Laura lo prese tra le mani e disse “Guarda quant’è minuscolo. Bastano tre dita per fargli una sega. Perché non glielo misuriamo? sono curiosa”.
“Ottima idea” disse Paola “Ecco un righello. Misuraglielo e facciamoci due risate”.
“Allora, ecco qua. 10 centimetri. Precisi precisi”. E ancora a ridere. Stavo morendo dalla vergogna.
Paola si avvicinò a me e mi disse nell’orecchio “Senti frocetto, visto che non hai che uno stuzzicadenti tra le mani ci farai da schiavetto vieni qui e ora baciaci i piedi”.
La paura si era impadronita di me. Erano come tarantolate e i loro sguardi, cosi come le loro risatine, erano intrise di cattiveria.
“Schiavo, ho detto di leccarci i piedi. Cosa aspetti?” urlò Paola.
Mi avvicinai ai loro piedi mentre loro erano sedute in macchina e iniziai a baciarglieli, prima quelli di Paola. La mia bocca era sempre a contatto con la pelle dei suoi piedi e non osavo interrompermi per evitare ulteriori punizioni.
“Ora leccali” mi ordinò.
Cosi feci e la mia lingua iniziò a leccare ogni centimetro dei suoi piedi, tra le dita, sui talloni, sulle caviglie, senza sosta.
“Bravo, ora vai da Laura”.
“Vieni qui stronzetto, ripulisci i miei e fallo bene altrimenti sono guai” aggiunse Laura.
“Si” risposi quasi senza voce.
“Si signora, devi dire si signora, capito?” mi rimproverò Laura.
E io titubante mormorai “Si..si..si..gnora”.
“Bene, puoi iniziare”.
Per molti minuti, mentre loro conversavano e mi prendevano in giro, mi impegnai nel pulire anche i piedi di Laura, fino a quando lei stessa mi interruppe.
“Ora ti scoperemo come un proietta” minacciò Paola.
Le vidi indossare due enormi cazzi di gomma e scambiare un paio di parole sul da farsi. Paola si avvicinò e mi ordinò di mettermi a quattro zampe “Mettiti a carponi stronzetto che ora di scopiamo per bene”.
Cercai di opporre resistenza ma Laura mi rifilò un calcio sul sedere “Stai fermo abbiamo detto”.
Mi ritrovai col culo offerto alla loro vista. E questo le invoglio a infierire ancora di più. “Ma guarda che bel culetto” disse Paola “sarà un piacere sverginartelo”.
A quelle parole ebbi un moto di ribellione stroncato subito da un altro calcio, questa volta in faccia, di Paola.
“Ok, ora vediamo se con le cattive maniere ti calmi. Laura, montagli sulle spalle e immobilizzalo. Bene. Ora allargagli le chiappe che glielo apro tutto il buco a questo frocetto”. Sentivo le mani fredde di Laura divaricare le mie chiappe e aprire il mio buco del culo per far entrare il cazzo di Paola. Urlavo dal dolore ma non serviva a nulla.
“Ecco, è entrato la punta” disse Paola “ora Laura allarga un altro po’ che voglio arrivare a metterglielo tutto dentro. Voglio far capire a questo finocchio ci comanda”.
Alla fine riuscì con la forza a mettermelo tutto dentro e iniziò a spingere come una matta “Ora iniziamo a danzare stronzetto. Senti come te lo spingo tutto dentro vero?” .
Intanto Laura si mette davanti a me e mi prende per i capelli “E a me non pensi finocchio? Io voglio lavorarti la bocca quindi ora mi farai un bel pompino come se fosse un vero cazzo. Su, manda giù e succhia”.
Preso davanti e dietro dovetti per forza iniziare a succhiare Laura e muovere il culo come mi aveva ordinato Paola. Ero paralizzato dalla paura di fare qualcosa di sbagliato cosi eseguivo i loro ordini. Spingevano con cattiveria i loro cazzi di gomma dentro i miei varchi e spesso sentivo dolore. Non riuscivo a respirare e a vuoto cadevano i miei appelli alla pietà fatti di gesti e mugolii.
“Su finocchio, muovi il culo che ti scopiamo come una vera troia. Cosi impari a dire di no ai nostri inviti. Guarda come si muove il finocchio, ti faccio diventare il buco del culo come un’autostrada” gridava Paola.
“Succhia frocio, fammi vedere la lingua che lecca tutto il cazzo. Dai, succhia bene” insisteva con uguale grinta Laura “Scommetto che ti piacerebbe provare un cazzo vero, di la verità”. Non ci pensavo neppure, volevo solo scappare di li.
Purtroppo il tormento non era finito. Paola aveva iniziato a segarmi con vigore ma non mi faceva piacere a causa del dolore provocato dal dildo nel culo. “Vieni segaiolo, fammi sentire la tua sborra sulle mani. Quanto tempo impieghi a venire? allora è vero che sei un finocchio ah ah ah” mi prendeva in giro. Costante preso per il culo in tutti i sensi sborrai tra le sue mani ma Laura impedì di accasciarmi al suolo e Paola aveva raccolto tutto nella sua mano. “Oh, guarda quanta sborra, ora sai che ci facciamo? te la facciamo bere tutta”. Al solo pensiero lo stomaco iniziò a ribollirmi dalla nausea. Tolse il suo dildo dal mia martoriato culo e mise un pochino di sborra sul dildo di Laura “Tieni Lauretta, dagliene un assaggio”.
“Subito” rispose entusiasta Laura che mi infilò di nuovo il cazzo di gomma in bocca orinandomi di ripulirlo. Spostai più volte il viso dall’altra parte ma Laura alla fine riuscì nel suo intento e dovetti spompinarla di nuovo. Intanto Paola aveva messo il resto della mia sborra, parecchia per la verità, in un bicchiere di plastica. Poco dopo ritornò “Bene Laura ora il nostro amico deve dissetarsi e non c’è niente di più dissetante che la sua stessa sborra da bere. Aprigli la bocca per bene che gliela facciamo assaggiare”.
Mi misero a pancia in su con Laura sopra di me. Non riuscivo a respirare perché il suo peso ricadeva tutto sul mio torace e le sue mani aprivano la mia bocca. Cercavo ancora una volta di divincolarmi ma niente.
“Apri la boccuccia cosi, ora bevi la tua sborra, da bravo”. Vedevo il mio sperma colare verso la mia bocca e scendere fino in gola.
“Su finocchio, manda giù. Ti piace eh? Bevi tutto e non sprecare una goccia” ordinò Laura. Stavo per vomitare ma alla fine mandai tutto giù.
“Ora però stai fermo che ti pulisco con un po’ di pipi” disse Paola. Si toglie le mutandine, appoggia la sua fica vicino alla mia bocca e inizia a pisciare. La sua urina era caldissima e si mescolava allo sperma rimastomi in gola.
“Bevila tutta” mi intimò Paola. Finito di pisciare si strofinò la fica sulla mia faccia e invitò Laura a fare altrettanto.
“Voglio pisciargli nel culo. Allargagli il buco che gli piscio li dentro”.
Paola mi allargò il buco del culo e pochi secondi dopo sentii scorrere il caldo piscio di Laura che arrivò fino alle mie palle.
“Ho avuto un’idea” esclamò Paola.
Mi trascinarono dentro e mi misero tra i due sedili anteriori mentre loro presero posto accanto a me.
“Ora frocetto ti siederai su questo bastone del cambio come se fosse un vero cazzo. E vedrai che ti aprirà bene bene il culo. Farai su e giù senza sosta proprio come se ti stessero inculando” mi disse Paola con aria diabolica. Urlai di no ma non cambiarono idea. Cosi mi ritrovai a fare su e giù con Paola e Laura che mi tenevano per mano e cercavano sempre di più di farlo entrare nel mio culo.
“Su, da bravo, fallo entrare tutto dentro” diceva Laura “Cosi, sali e scendi, guarda come si muove bene il frocetto”.
“Eh si, è proprio un finocchio. Chissà cosa penserebbe di lui la sua amichetta Giovanna se lo vedesse ora. Credo che cambierebbe idea sul suo conto” confermò Laura.
E giù a ridere mentre io soffrivo dal dolore.
“Ok, ora fermati che voglio dare un’occhiata al tuo culo. Uh, guarda com’è bello largo il tuo buco, sarà come un’autostrada ah ah ah” disse Paola.
E mentre stavo per terra oggetto delle loro prese in giro, vidi Paola sbracciarsi.
“Che fai?” domandò Laura.
“La vedi quella ragazza laggiù a cavallo?”.
“Si, perché?”
“Ho avuto un’idea da sballo”. E nel contempo continuava ad attirare l’attenzione della ragazza all’orizzonte. Questa si accorse di loro e si diresse verso di noi.
“Intanto metti il frocetto in macchina” disse Paola a Laura.
La ragazza arrivò col suo cavallo e Paola la salutò quasi fosse una sua cara amica.
“Come ti chiami?” domandò Paola.
“Luisa”.
“Quanti anni hai?”.
“Trenta”.
“Ottimo, senti, ti va di aggregarti a noi?” le chiese ancora Paola.
“In che senso?” rispose.
“Abbiamo uno schiavetto da seviziare, Laura? fallo venire qui”.
Laura mi prese per il guinzaglio e mi scaraventò tutto nudo davanti a Luisa, la quale alla mia vista scoppiò in una fragorosa risata.
“Oddio, e che ci fa questo ragazzo tutto nudo qui?” chiese ridendo.
“Ha osato rifiutare un nostro invito speciale e lo stiamo punendo. Solo che non siamo ancora soddisfatte”.
“E che cosa vorreste fargli?”.
“Ce lo presteresti il tuo cavallo?”.
“E a cosa vi servirebbe?”.
“Vogliamo fargli provare un vero cazzo e non quello che tiene tra le gambe” rispose Paola
“Spiegati”.
“Ohhh, ora vedrai. Stronzetto, abbassati e metti la testa li sotto il cavallo”.
“Non mi dire che…” disse stupefatta Luisa.
“Oh si, hai capito bene” la interruppe Paola “Voglio che faccia un pompino al tuo cavallo”.
E sia lei che Laura scoppiarono a ridere.
“Ok. Mi viene da ridere ma ci sto. Cosa devo fare?” domandò Luisa.
“Tieni buona il tuo stallone che al resto ci pensiamo noi” rispose con sicurezza Paola. Poi rivolgendosi a me “Ehi tu, vieni qui e abbassa la testa e mettila sotto il cavallo. E stai zitto sennò ti riempio di botte”.
Mi ritrovai impaurito sotto la pancia del cavallo con a fianco Luisa, Paola e Laura. “Ora tocca a te Luisa. È tutto tuo, fanne ciò che vuoi ma facci divertire soprattutto. Non avere paura di lui, è docile docile” la rassicurò Paola.
“Ok” rispose Luisa, poi rivolta a me “Fammi vedere cosa sai fare di cosi speciale. Sono veramente curiosa. Prendigli il cazzo in mano, dai”
Allungai la mano verso il cazzo del cavallo, mentre Laura e Paola assistevano divertite alla scena e iniziavano a toccarsi tra loro. Mi ritrovai tra le mani un cazzo enorme e Luisa mi ordinò come di masturbarlo.
“Dai bello, non avere paura, vedrai che ti piacerà” sembrava rassicurarmi. Inutilmente però, ero impaurito e soprattutto distrutto e umiliato.
“Ora fagli un pompino, dai succhiaglielo” suggerì con decisione Paola.
“Senti quello che chiedono le tue amiche? Accontentale dai. Prendi questo bastone tra le tue labbra”. Luisa prese la mia testa a la avvicinò al cazzo del cavallo. “Da bravo, apri la boccuccia e inizia a leccarlo sulla punta. Vedrai che ti piacerà bel finocchietto. Ma perché le amiche ti chiamano così? Fammi vedere un po’ tra le gambe. Ahi ahi ahi, ora ho capito. E’ veramente piccolino. Siamo messi male eh? Ma ora hai in bocca un vero cazzo e succhialo bene che ti farà godere”.
Obbligato a spompinare un cavallo e soggetto a tutte le più atroci umiliazioni, quelle parole erano come delle pugnalate. Volevo piangere ma un moto di orgoglio mi spingeva ad evitare di prestare il fianco ad ulteriori umiliazioni. Il cazzo era enorme e l’odore amaro, mi limitavo a leccarlo sulla punta, ma a loro non bastava.
“Dai frocetto” disse con tono deciso Laura “Vuoi farci godere? Prendilo in bocca dai!”.
Luisa allora riprese la sua ramanzina “Le senti le tue amiche? Vogliono che ti impegni di più. Allarga bene la bocca e prendilo dentro. Apri su, da bravo, ora spompinalo per bene”. Sento la sua mano che spinge la mia testa in avanti.
“Succhialo, ancora di più frocetto. Dai, ancora. Ingoialo bene. Pompa, pompa, pompa ancora. Più forte, succhialo. Leccalo tutto sull’asta, sulla punta e ora tienilo per un po’ in bocca. Cosiiiii. Bravo finocchio. Scommetto che ti piace”.
Interviene Paola “Fallo venire in bocca dai. Voglio vedere il cavallo schizzare sulla sua faccia”.
“Hai sentito? Dai, succhia più velocemente e fai sborrare il mio stallone che sta godendo sicuramente. Più veloce, cosi, dai, senti come si indurisce il cazzo? Sta per venire e vogliamo vedere la tua faccetta e il tuo corpo ricoperto del suo sperma” disse Luisa.
Intanto Paola e Laura si avvicinarono a me e anche loro iniziarono ad incitarmi, per modo dire.
Alla fine il cavallo eiaculò in modo violento e abbondante sulla mia faccia. Cercai di allontanare il viso ma Luisa e Paola tennero il cazzo vicino alla mia bocca e cosi fui tutto ricoperto di sperma.
“Oddio come sono eccitata” urlò Paola.
“Si, anche io” aggiunse Laura.
“Ehi frocetto” disse Paola “sei uno spettacolo. Fammi vedere che bevi la sua sborra e ripuliscilo tutto”.
“Su bello, bevi un po’ di succo e manda giù” rincarò la dose Luisa.
Fui costretto cosi a prendere un po’ della sborra che colava dal cazzo del cavallo e a deglutirla davanti a loro e dopo glielo ripulii trattenendomi a fatica dal vomitare. Ormai ero un corpo senza forze e incapace di reagire.
“Pulisci bene che ora voglio fare un’altra cosa” minacciò Paola.
“Cosa?” domandarono Laura e Luisa.
“Che ne dite se proviamo a farlo inculare dal cavallo?” propose ridendo.
“Ma dai, è impossibile!” esclamò Luisa “Ha il buco troppo piccolo per un cazzo cosi grosso”.
“Ma mica tutto, sono un po’, quel che riusciamo a mettere dentro. E poi scusate, sarebbe eccitantissimo vedere questo finocchio inculato da un cazzo di un cavallo”.
“Ok, proviamo” rispose Laura titubante.
Mi mettono a quattro zampe sotto la pancia del cavallo e sopra una panchetta. Poi Paola mi dici di abbassare la testa e di alzare il culo.
Luisa allora prende il cazzo del cavallo e lo avvicina al mio buco mentre Laura lo allarga il più possibile.
“Però…” disse Luisa “guarda che buco bello aperto. Ma allora già l’hai preso in culo in passato”.
“Glielo abbiamo trapanato noi ahahah… con quei dildo di gomma laggiù” la rassicurò Laura.
“Caspita, l’avete aperto per bene” rispose sorridendo Luisa. Poi rivolgendosi a me “Allora sei già abituato a ricevere cazzi in culo. Ok, ora prova questo di cazzo allora. Vedrai che ti piacerà e ti aprirà per bene il culo. Su Laura, aprigli bene le chiappe. Brava e ora lo appoggiamo con la punta sul bordo. Cosi”.
“Mettiglielo dentro più che puoi” la incitava Paola.
“Ci provo. Ecco, sono entrati un paio di centimetri. Di più non è possibile ma credo che lui dovrebbe sentirli dentro”.
Eccome se li sentivo, puzzavo di piscio e sborra di cavallo e ora impalato dal suo cazzone che cercava di aprirsi un varco nel mio culo. Loro ridevano, come sempre, fin dall’inizio.
“Forza bimbo, muovi il culetto da brava troietta quale sei” disse Paola.
“Senti come è duro nel tuo culetto eh? Te lo sta spaccando tutto” aggiunse Laura. “Su finocchio, muoviti più velocemente. Facciamolo entrare ancora un po’ dentro”.
Di nuovo Paola “Mi piacerebbe che il cavallo ti venisse in culo e te lo riempisse di sborra come prima”.
“Ora viene di sicuro Paola, dagli tempo. Su, frocetto, muovi avanti e indietro il culetto che si sta indurendo. Ecco, cosi, eccolo, sta venendo…” la rassicurò Luisa.
Luisa staccò il cazzo dal mio culo e il cavallo venne su di esso copiosamente un’altra volta. Sentivo la schiena bagnata e la sborra che colava lungo il mio buco fino alle palle.
“Wow, che spettacolo” disse stupefatta Laura.
“Guarda quanta sborra, gli ha fatto la doccia” continuò Paola.
Luisa si avvicinò a me e accarezzandomi la te mi disse “Sei stato bravo, veramente bravo e ora torna dalle tue padroncine”.
Mi fecero mettere sdraiato in macchina e li mi addormentai piangendo.


2 commenti on “Umiliazione totale inculata profonda”

  1. bsxual scrive:

    Mi sarebbe piaciuto essere al suo posto. ;)

  2. gianni scrive:

    Avrei fatto meno capricci per farmi sodomizzare dal cavallo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.