Racconto ?

Mamma e Signora


Quella mattina di giugno, appena uscito di casa, fui felicissimo nel vedere che nella villa accanto alla nostra, che era chiusa da due anni cioè dopo della morte della signora Maria, c’era l’impresa delle pulizie, segno che qualcuno sarebbe venuto ad abitarci.
 Entrai subito dentro casa a chiedere a mia madre, che sa tutto di tutti, chi sarebbe venuto ad abitarci nella villa. Mi rispose che sarebbe venuta la nipote della povera signora Maria con il marito.
 La nipote della povera signora Maria, Giulia, l’avevo conosciuta due anni prima al funerale della zia e fui colpito dalla sua bellezza e non vi nego che su di lei mi sono segato varie volte.
 Due giorni dopo arrivò la ditta traslochi e con loro la signora Giulia con il marito Mario. Avevo saputo da mia madre che erano una coppia senza figli, perché lei non ne poteva avere, ed ormai dati i suoi 40anni si erano rassegnati.
 La signora Giulia era una bella donna quarantenne, portava una quarta abbondante di seno, aveva un culo sodo e a pera, due belle cosce lunghe ed una bocca con due labbra molto sensuali.
 Diventammo subito amici di famiglia, anche perché Giulia era sta compagna di scuola di mia madre.
 Incominciò a frequentare la mia casa e noi la sua.
 Quel giorno ero andato da un mio amico e ci sarei rimasto tutta la giornata, mio padre, come la solito, era a lavoro e sarebbe tornato la sera.
 Tornai a casa perché avevo dimenticato un CD che dovevo portare al mio amico. Fui meravigliato, erano le 9, nel vedere una gran calma a casa mia e le finestre chiuse. Feci il giro della casa per entrare dalla cucina, che di solito era sempre aperta, spinsi la porta e con molta cautela, cercando di non fare rumore, volevo vedere cosa stava succedendo, entrai in casa. Arrivato nel corridoio sentii dei mugolii che provenivano dalla stanza da letto, dove la porta era socchiusa. Mi avvicinai e con grande meraviglia prima ed eccitazione dopo vidi mia madre e la signora Giulia, tutte e due nude, sul letto
 che si leccavano a vicenda.
 Vidi per la prima volta la fica di mia madre e della signora Giulia. Due gran belle fiche. Quella di mia madre nera, pelosa e con un clitoride che sembrava un piccolo cazzo e Giulia lo succhiava facendo inarcare mia madre dal piace. La fica di Giulia, invece, era depilata completamente e risaltavano le sue labbra rosse e gonfie per l’eccitazione.
 Succhia troia, diceva mia madre, dai che sto per venire, sono in un lago, bevi tutto grande troia e così dicendo si inarcò emise un urlo e disse: vengooooo.
 Giulia la ripulì per bene dei suoi umori e le disse che ora toccava a lei farla godere.
 In quel preciso istante che mia madre ha goduto il mio cazzo, che ormai era fuori dei pantaloni, cominciò a sborrare senza che lo toccassi.
 Rimasi ancora là. Volevo vedere come godeva Giulia e ne è valsa veramente la pena.
 Mia madre si coricò a metà del letto di traverso, appoggiò il braccio sul letto ed alzò l’avambraccio chiudendo le dita della mano ad imbuto.
 Giulia si alzò impiedi, si mise a cosce aperte sulla mano di mia madre. I suoi umori le colavano lungo le cosce, sembrava che stesse facendo pipì. Con tutte e due le mani si aprì la fica e si appoggiò la mano di mamma sulla fica. Con grande meraviglia incominciò a calarsi pian piano sopra l’avambraccio di mia madre e si fermò quando anche il polso era dentro. Comincio ad andare su e giù lungo il braccio di mia mamma ed ogni volta mugolava. I suoi seni con i capezzoli ritti, ballavano ad ogni suo movimento. Sei stupenda ripeteva a mia madre. Ah come godo, questo si che è chiavare, spaccami è da tanto che aspetto che tu lo faccia e mia madre allora incominciò a far entrare ed uscire la mano dalla fica. Quando finalmente raggiunse l’orgasmo mia madre tolse la mano dalla fica ed uscirono fuori tutti gli umori che erano dentro. Ho avuto l’impressione che Giulia stava pisciando.
 Sborrai per la seconda volta mentre loro due si sdraiarono sul letto esauste.
 Non conoscevo mia madre sotto questo aspetto e, cosa strana, il suo corpo mi aveva fatto eccitare più di quello della signora Giulia.
 Mentre loro si rilassavano ripercorsi a ritroso il tragitto di prima ed andai a suonare alla porta.
 Mentre andavo dal mio amico stavo pensando come dovevo scoparmi mia madre e la signora Giulia… ma questo ve lo racconterò la prossima volta, anche perché a casa di Giulia è successa una cosa che non mi sarei mai aspettato.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.