Un bel week end


Ciao. Voglio raccontarvi il mio ultimo week end.
 Devo dire prima che da circa due settimane ho un amico fisso che viene a trovarmi quando mio marito e’ via per lavoro.
 Si chiama Gunter, ha trentadue anni, biondo e ben fatto.
 A letto non e’ male, soprattutto mi racconta sempre cose di sesso molto belle.
 La settimana scorsa mi ha raccontato che va spesso negli swinger clubs, ma deve pagare un minimo di dm.200 per volta, mentre le coppie qualche volta pagano massimo dm.50 ed in certi club entrano gratis.
 “Be’ se vuoi risparmiare devi portarmi con te.”
 Io stavo scherzando, ma quando venerdì gli ho telefonato per dirgli che mio marito era via fino a martedì’:
 “Allora preparati che andiamo a fare un bel giro di qualche giorno..
 Facciamo circa 150 km. e verso sera mi chiede:
 “Allora vuoi provare un club?”
 Il porco era già davanti ad uno di questi club, il Rendezvous.
 Cosa dovevo fare? Entrammo.
 Era stupendo, una vecchia villa sulla riva del Donau.
 A piano terra spogliatoi e sauna, al primo piano il bar, un salotto con video porno, al piano sopra tre camere:
 Una di almeno 40 metri quadri coperta solo da un unico materasso, una un po’ piu’ piccola, ed una terza con un bel lettone.
 Il proprietario fu molto gentile:
 “Qui le coppie non pagano, potete mangiare e bere e fare tutto quello che volete. Se vi mettete nelle prime due stanze chiunque puo’ partecipare a quello che fate, nella terza entra chi si vuole appartare e puo’ chiudere la porta: Poi qui c’e’ la sorpresa..”
 Apri’ una porta che non avevo visto.
 Era una stanza nera, illuminata solo da candele, con al centro un tavolone rotondo girevole ed alle pareti corde e catene.
 Eravamo i primi ospiti, ci svestimmo, lui in slip ed io con una specie di baby doll che usavo da sottoveste che mi sfiorava appena il culo.
 “Pero’ togli le mutandine..
 “ma se mi piego mi si scopre il culo..
 “Appunto..
 Cominciava ad arrivare gente, un paio di ragazzi (maschi) giovani, una coppia di circa quaranta anni, una coppia giovane di cui lei era almeno 120 chili.
 Noi eravamo seduti su un divano a guardare un video quando uno dei due ragazzi si siede vicino a me.
 “Voi siete nuovi, vero?
 “Si veniamo da Augsburg..
 “Ma lui e’ tuo marito?
 “No lo conosco da poco, credo che mi abbia portato cosi’ non paga..
 “Ma tu lo sai dove sei, e cosa si fa qui?
 “Piu’ o meno..
 Intanto guardavo gli altri.
 La signora della coppia dopo un po’ di chiacchiere con l’altro ragazzo giovane era andata di sopra con lui e il marito.
 Gunter si era alzato e senza vergogna, appoggiato al bar aveva tirato fuori le tette alla grassona.
 Erano enormi e lui non riusciva a tenerne una neanche con due mani.
 Il ragazzo vicino a me mi chiese se andavamo di sopra a vedere cosa succedeva. Io andai da Gunter,
 “Mi hanno chiesto di andare di sopra, cosa devo fare?
 “Se ne hai voglia vai pure..
 La mia vestina rossa, mentre salivo le scale, si alzava sopra il culo, che ho abbastanza grosso, e il ragazzo ne approfitto’ per infilarmi una mano da dietro.
 Ci fermammo sulla porta della camera piccola:
 La signora faceva un pompino al ragazzo mentre il marito si faceva una sega guardando da molto vicino.
 Il ragazzo con me mi toccava il culo ed io misi una mano dietro sentendo nelle mutande il suo cazzo duro.
 Era molto lungo, mi piaceva, allora infilai una mano per tirarlo fuori e cominciai a menarlo piano.
 Intanto vedevo una scena scioccante..
 La signora teneva il cazzo del ragazzino in mano ma lo aveva messo nella bocca del marito che succhiava senza che il ragazzo si fosse accorto del cambio.
 Ero affascinata dallo spettacolo e mi piaceva la mano sul culo ed il cazzo duro in mano.
 Con la coda dell’occhio vidi salire la cicciona con Gunter e il marito, andando nella stanza nera.
 “Andiamo a vedere cosa fanno?
 La cicciona era sdraiata sul tavolo e succhiava il cazzo di Gunter mentre il marito la chiavava stando in piedi.
 Era all’altezza giusta per permettere a Gunter di avanzare un po’ mettendole le palle in bocca e il cazzo tra le tette enormi.
 Era buio, a parte le candele, ma si vedeva abbastanza perche’ la mia figa cominciasse a colare.
 Eravamo appoggiati al muro e cominciai a tremare: godevo senza che nessuno mi toccasse, solo a vedere quello che faceva il maiale che mi aveva portato li’.
 Il ragazzo si accorse e mi infilo’ due dita nella figa che colava, credevo di impazzire.
 In quel momento i tre sul tavolo si alzarono per andare in un’altra stanza ed io senza parlare mi sdraiai al loro posto allargando le gambe: in un attimo il cazzo del ragazzo era dentro di me che stavo ancora godendo.
 Non mi era mai capitato, ma quell’orgasmo non fini’ per iniziarne un altro, continuo’..
 Lui mi sbatteva come con un martello con colpi regolari, forti fino in fondo, e io godevo, godevo, senza interruzione.
 Duro’ almeno un quarto d’ora, colpi regolari, forti ed orgasmo, fino a che lo tolse di colpo, diede un colpo al tavolo che ruotando di 180 gradi mi fece ritrovare il cazzo davanti alla bocca: stava godendo e mi lavo’ la faccia, mentre aprivo la bocca per prendere un po’ di sborra.
 Vidi all’improvviso dei lampi: era Gunter che mi stava fotografando.
 Mi venne vicino e sorridendo
 “Adesso hai visto quanto e’ bello e devi venire ancora con me nei club, se no mando questa foto a tuo marito. Domani sera andiamo in un altro posto..
 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...