Brenner


image001

 

A Innsbruck pioveva ma per fortuna si ferma subito un camion.
E’ un italiano ma parla un po’ di tedesco.
Ha 32 anni e si chiama Alfredo.
Mi puo’ portare fino a Rimini perche’ va piu’ a sud ma devo aspettare con lui per la dogana a Brenner.
Va bene, io non ho fretta.
Che bello cosi’ stiamo un po’ in compagnia.
Non ha la camicia, e’ molto peloso.
Mi guarda le gambe.
Sei tutta bagnata dalla pioggia, non hai da cambiarti?
Io non avevo problemi e mi tolsi maglietta e calzoni.
Ero tutta nuda e mentre cercavo i vestiti asciutti lui mi guardava senza parlare.
Diventavo piu’ furba ogni momento e decisi di non avere paura o vergogna.
Sai devo sedere di fianco perche’ ho un po’ male.
Perche’??
Gli racconto quello che ho fatto il giorno prima nel motel.
Quasi gli si rompono i pantaloni davanti.
Vedo che gli cresce una cosa molto grossa.
Ma tu vai a letto con tutti??
Si con quelli che mi piacciono, e mi cominciano a piacere quelli piu’ vecchi.
E’ con me ci stai?
Non lo so, forse.
Arrivati a Brenner porto’ i documenti in dogana e si fermo’ nel parcheggio.
Dobbiamo aspettare domattina.
Cosa facciamo adesso?
Io sono stanca, questa notte non ho dormito tanto.
Ok sdraiati li’ dietro.
Ho dormito profondamente e quando apro piano gli occhi lui con una mano mi tocca il petto sotto la maglia e con l’altra si tocca il cazzo.
Chiudo ancora gli occhi e lui continua a toccare.
Mi piace come accarezza, ma voglio vedere il cazzo.
E’ nero e grosso, nessuno dei miei amici ce l’ha cosi’.
Lui mi vede con gli occhi aperti e mi prende una mano appoggiandolo sopra.
E’ duro, grosso puzza un po’.
Lo guardo bene, e’ vicino alla mia faccia.
E’ sporco, ha come una crema bianca che puzza intorno alla punta. Mi fa schifo ma sento anche caldo tra le gambe.
La sua puzza comincia a piacermi e allora lo assaggio con la lingua, poi lo prendo un po’ in bocca e glielo pulisco leccandomi tutta la crema che puzza.
Lui continua a parlare, dice parole che ho capito solo tanto tempo dopo: troia, pompinara, succhialo tutto etc.
Mi voleva toccare tra le gambe.
No mi brucia tutto, lasciami.
Cosi ho fatto tutto io. Gli ho fatto una sega ed ho bevuto la sua sborra.
Adesso devo godere anch’io, pero’.
Se vuoi guarda.
Apro le gambe e comincio a toccarmi il clitoride con un dito e guardando il suo cazzo che era sempre grosso mi sono fatta un bel ditalino.
Forse domani il bruciore mi e’ passato e possiamo fare di piu’.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...