Le avventure di Betty la troia


Un giorno Betty mi raccontò di cosa le successe quando aveva 22 anni e che quella fu la cosa che le fece scattare la molla della libidine e della porcaggine che era nascosta dentro di lei….Betty una bella ragazza capelli mori a caschetto due tette della sesta misura burrose e fresche un bel culetto e lunghe gambe affusolate;
già allora era un tipino a cui piaceva giocare e fare arrapare i maschietti ma poi non concedeva nulla o poco più…una sera in discoteca con il suo ragazzo si divertì a tormentare una compagnia di ragazzi che vedeva spesso i quali avevano preso l’abitudine di corteggiarla per gioco all’insaputa del fidanzato…
Betty quella sera ballando faceva ondeggiare le tette sotto il naso di ognuno di loro e arrivo a litigare con il fidanzato all’atto delle sue rimostranze…
verso la una decisero di andare a casa senza accorgersi di essere seguiti dalla compagnia di ragazzi i quali ebbero modo di veder dove abitava la troietta che li faceva impazzire in discoteca…
nei giorni che seguirono i genitori di Betty dissero che il telefono suonava e alla risposta nessuno parlava ma non ci fece caso nessuno più di tanto….
dopo 3 settimane i genitori partirono per una breve vacanza e Betty una sera ricevette una telefonata…
era il ragazzo più carino della compagni e lei iniziò a civettare non pensando nemmeno a come aveva fatto ad avere il numero di telefono
…mentre era all’apparecchio bussarono alla porta ella fece attendere Mauro e andò ad aprire trovando un venditore di enciclopedie che insistendo voleva vendere e farle firmare un contratto il suo fare impacciato ma allo stesso tempo aggressivo la turbò ma il tipo urlava e guardava in giro…..
facendo ciò si accertò che fosse sola in casa…
lei disse al tipo al telefono di chiamarla più tardi ed alla fine congedò il “rappresentante” ma dopo pochi minuti suonarono di nuovo alla porta quando lei aprì vide di sfuggita il finto rappresentante ma un istante dopo era nel mondo dei sogni cloroformizzata da un fazzoletto posatole a forza sotto il naso….
si svegliò e non sapeva dove fosse…ma era nuda….
era in una posizione strana legata ad un cavallo da palestra quello con le maniglie per intenderci un pochino più piccolo e senza maniglie a pancia in giù ed aderiva per una piccola parte della sua pancia sull’attrezzo il resto era legato…
le caviglie da tiranti verso il muro e le mani passate sotto il cavallo da un paio di manette..
era IMMOBILIZZATA e nello stesso tempo aperta ad ogni ispezione e pochi minuti dopo fu lei stessa urlando ad avvisare il gruppo selvaggio……
All’avvicinarsi dei ragazzi Betty aveva provato una strana paura..
un eccitazione particolare che non sapeva spiegarsi ed ora mentre capiva a cosa sarebbe stata costretta le si bagnò la figa e ne provò vergogna con il suo fidanzato legato e minacciato e lei in balia di una decina di maschi dopo aver firmato un foglio sul quale dichiarava la sua condiscendenza ma nel frattempo non poteva respingere la sua natura che l’avvertiva del piacere a cui sarebbe stata sottoposta….
le umiliazioni che avrebbe subito….
i ragazzi parlottarono un poco tra di loro con molta calma accarezzandola con fare distratto sul culo e sui seni esposti..
qualcuno le accarezzava il viso molto dolcemente altri la schiena tutto con molta dolcezza e queste carezze ebbero il potere di rilassarla ed eccitarla ulteriormente ogni tanto incrociava gli occhi con quelli di Carlo che legato ed imbavagliato nudo pure lui fissava la scena ad occhi spalancati…
poi come senza accorgersene si trovò un cazzo a portata di bocca ed automaticamente cominciò a spompinarlo…
lavorava con la lingua sulla cappella rosea e lo ingoiava fino alle palle sentendo la peluria del maschio sul naso..
l’odore del sesso la inebriava e la sua lingua guizzò tra la cappella e l’asta lucidando quel bastone di carne che la sondava in gola…ogni tanto il ragazzo assestava un colpo per farla ingoiare più a fondo..
“troietta succhia il cazzo da brava…pompinara.. succhia…” a volte le accarezzava il capo impartendole con il movimento delle mani il ritmo del pompino…
un altro lo sentì porsi alle sue spalle e leccarle fica e culo con passate di lingua sapienti e capaci di mandarla in estasi e Betty lo dimostrò spompinando con più ardore il cazzo che le veniva offerto in bocca…
a quel punto un altro si sostituì al primo e le piazzò il cazzo in gola mentre il primo le liberava una mano e se la poneva sul membro eccitato invitandola a menarlo con lentezza…
“menami il cazzo vacca lentamente” si mise a spompinare con voglia mentre capì che anche quello che la leccava si era tolto subito sostituito da un altro che riprese il leccaggio…
le venne liberata anche l’altra mano e fu invitata a menare
“troia mena e pompa….”la vacca si trovava stesa con un cazzo in bocca e due nelle mani mentre un altro le leccava la fica fradicia ed il buco del culo….
godeva ed aveva paura a mostrarlo…
in breve un altro cazzo si sostituì nella bocca di Betty e sentì che armeggiavano vicino ai suoi piedi…si trovo un cazzo duro tra il pollice e le dita dei piedi..
“muovi la gamba troia…senza fermarti” in breve capì il gioco e poco dopo si trovò con due cazzi in mano…
due fra le dita dei piedi….
uno in bocca….
due sotto le ascelle….
la figa reclamava ma nessun ragazzo ancora la aveva scopata….
anzi si trovò vicino al viso due cazzi e le ordinarono di leccarli entrambi…
“troia lecca e succhia tutti e due”…
Betty si dava da fare per non perdere il ritmo ed alternava i due cazzi in gola e la lingua passava insalivando ora un membro ora l’altro…
“troietta sei proprio una puttana.. guardala stronzo come è brava a pompare….”
sentì un ragazzo sputarle in culo e due dita entrare a forzare lo stretto buchetto fino ad ora inviolato ed istintivamente si irrigidì poi qualcosa di oleoso le fu versato in culo e le dita entrarono con molta facilità…
qualche goccia si immerse nella figa ma nessuno la toccava lì..
Betty agognava essere scopata e voleva urlarlo ma non voleva farlo davanti al fidanzato….
dopo qualche minuto il suo culo era dilatato e la troia sempre più vogliosa di cazzola spostarono e si trovò nelle braccia di quattro ragazzi che la calarono sul cazzo di uno di loro sdraiato a terra badando bene di infilarla nel culo…..
si sentì penetrare fino alle budella ed urlò più di piacere che di dolore….
dopo qualche su e giù sul cazzone piantatole nel culo il suo buchetto si adattò ed iniziò a provare piacere…
il ragazzo a terra la sosteneva per i fianchi mentre gli altri ripresero la propria posizione….due ai lati della testa..
per farsi spompinare..
due vicino alle mani per farselo menare…..
e la troia lo faceva appoggiandosi anche ai cazzi in tiro….
altri due ripresero la posizione infilando i loro cazzi tra le dita dei piedi come avevano fatto in precedenza….
altri due le si posero tra le ascelle….
9 cazzi per Betty ed ancora la sua figa era inoperosa…anzi si guardavano bene da sfiorarla i bastardi….
il cazzo in culo la sfondava per bene aiutato dal lubrificante usato e la posizione non era nemmeno scomoda nonostante la vicinanza di tante persone… L’autore (Milord):

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...